Select Page

“Whatever it takes Ue” e picco in Italia: Così l’Orso mollerà la presa in Borsa

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Cosa potrebbe fermare definitivamente il sell-off sui mercati? Andrea Cuturi, chief investment officer di Anthilia Capital Sgr non ha dubbi: “Serve un whatever it takes europeo, comunicato magari con una riunione straordinaria dell’Ue in cui i capi di Stato e di governo mettono in campo una risposta fiscale coordinata e un’inversione dell’emergenza sanitaria in Italia”. “Il mercato non vuole soltanto liquidità e accesso al credito, ma anche un intervento forte dal lato fiscale, anche perché il Patto di Stabilità verrà congelato per due anni. Serve un’azione coordinata fra gli esecutivi comunitari”, spiega poi ad Affaritaliani il Cio di Anthilia.

“L’Italia – aggiunge – ha messo sul piatto 25 miliardi. La Spagna 200 miliardi. Una differenza significativa. Ecco i mercati vogliono vedere questo”. Segnale fiscale a cui deve aggiungersi uno medico. “Questa è un’emergenza sanitaria – spiega Cuturi – che non ha precedenti. Gli operatori vogliono capire se si riuscirà a contenere il Coronavirus. Se l’Italia registrerà il picco dei contagi fra 3-4 giorni e il numero dei infettati comincerà a scendere come in Cina, allora i mercati torneranno a salire”.

Un esempio di quanto spiegato dal gestore è arrivato quest’oggi dalla Spagna dove il premier Pedro Sanchez ha varato un piano da 200 miliardi di euro, circa il 20% del Pil, per attutire l’impatto della crisi sanitaria e in un colloquio con il presidente Xi Jinping ha chiesto aiuti materiali alla Cina. Il piano, che servirà a “creare uno scudo sociale al servizio dei cittadini”, combina sforzi pubblici e privati, prevede 117 miliardi di euro di garanzie alle imprese per l’accesso al credito e una moratoria temporanea del pagamento dei mutui relativi alla prima casa di lavoratori dipendenti e autonomi che si trovano in situazione di difficoltà o colpiti dal Covid-19.

Inoltre, i datori di lavoro che regolano l’occupazione e i lavoratori autonomi maggiormente colpiti non verseranno i contributi alla previdenza sociale. Il diritto alla disoccupazione è esteso, anche senza un periodo minimo di contribuzione, con 600 milioni di prestazioni sociali. Le società strategiche quotate in borsa saranno protette da eventuali acquisti esteri. A tutela degli utenti, è vietato tagliare acqua, elettricità e gas per un mese prolungabile. Dopo l’annuncio del piano di shock del governo l’indice Ibex è rimbalzato del 6,5% alla Borsa di Madrid.

Leggi online